mars mellow

Quando si è aperta la cannabis vicino a me? Dove mi sentivo come se la cannabis fosse proprio accanto a me? Prima di scoprire la cannabis, ho passato un periodo difficile a rilassarmi. Mi ha fatto sentire intontito e pigro, ma non importa quello che ho provato, non potevo sfuggire al fatto che il mio cervello si sentiva annebbiato e assonnato. Per molto tempo, mi sono chiesto perché il mio cervello fosse annebbiato e letargico, e poi ho scoperto che la cannabis è uno dei più rilassanti e tranquillanti a cui potessi prendere parte. La scoperta della cannabis ha aperto la mia comprensione del mio corpo e della mia mente.

Il mio viaggio con la cannabis è iniziato quando mi sono reso conto che, sebbene il mio corpo fosse lento e letargico, ero sbalordito come un aquilone su un tubo da crack. La capacità del mio cervello di concentrarsi e di essere vigile non era così acuta come dovrebbe essere. I miei occhi non si stavano concentrando così lontano come dovrebbero, e le mie mani / piedi si muovevano in cerchi lenti e chiaroveggenti intorno al mio corpo. Ci sono molti sintomi che derivano dalla funzione cerebrale di cui non sapevo l’esistenza fino a quando non li ho sperimentati personalmente con la cannabis. I seguenti sono alcuni dei sintomi che ho riscontrato con la cannabis:

o Il mio cervello era confuso. La mia percezione della realtà era confusa e poco chiara. Ho visto le mie mani e i miei piedi e li ho sentiti muoversi, ma in realtà non li ho sentiti. Per qualche ragione, ho avuto questa sensazione ogni volta che ho preso una dose di cannabis. Questo era abbastanza strano e un po ‘strano allo stesso tempo, perché per un momento ho pensato che il mio cervello fosse “in alto”, ma quando gli effetti dell’erba si sono esauriti, mi sono reso conto che il mio cervello non funzionava al meglio.

o Il mio cervello era iperattivo e sovraccarico di lavoro. Ho sperimentato il mio cervello mentre correva alla massima velocità ei miei pensieri erano sconnessi ed estremamente veloci. Ho scoperto di parlare più del normale e la mia vista era offuscata e il mio pensiero era sfocato. Quando pensavo a qualcosa, l’ho semplicemente ripetuto senza pensarci prima, come se il mio cervello avesse il pilota automatico.

Quindi ho semi white widowvuto una visione distorta del tempo. Credo che la mia percezione del tempo sia stata distorta a causa dell’erba che fumavo. Credevo che fossero passate ore dall’ultima volta che l’avevo preso, ma in realtà erano passati venti minuti o più. Inoltre, mentre ero in alto ho creduto di essere morto, sono andato in paradiso e ho parlato con Dio. Tutte queste cose mi sono successe e si sono verificate diverse volte durante la mia esperienza con la marijuana.

Questi sintomi erano così incredibilmente intensi che credo dovessero essere stati un risultato diretto della marijuana. Dopo aver sperimentato tutte queste cose, non credo che prenderò mai più l’erba. Se hai mai avuto un congelamento del cervello come me, sai che può essere molto pericoloso. Questa esperienza ha alterato in modo permanente la mia percezione della realtà e non credo che fumerò mai più marijuana. Grazie cannabis!

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS